Web Marketing per dentisti

Web Marketing per dentisti

Quale è la miglior strategia di Web Marketing per dentisti?

La risposta cambia in funzione dei punti di vista.

Devi creare un brand.

Sono un dentista come te, ti basta fare quello che faccio io.

Devi promuoverti con Facebook e raggiungere il tuo “target”!

Devi posizionarti su Google per essere visibile a chi fa ricerche online.

Purtroppo notiamo che chiunque ti risponda ha sempre la verità in tasca.

Non solo.

Se provi solo ad immaginare qualcosa di diverso da quello che ti dice ti guarda come se fossi un coglione.

Non cadremo nella stessa arroganza. Questo articolo non pretende di avere la verità in tasca.

Raccontiamo ciò che abbiamo visto funzionare in altri studi.

Le strategie per un Web Marketing vincente possono essere più di una. Non esiste il Sacro Graal del Web Marketing per dentisti.

Fare marketing è una via di mezzo tra dipingere un quadro e risolvere un problema matematico. È un processo creativo al quale si possono e si devono affiancare  indicatori quantitativi.

Se una strategia ha successo non è detto che i medesimi risultati non li si sarebbero potuti ottenere in un altro modo.

Molto dipende anche dal contesto.

Magari nel centro di Roma funziona meglio una strategia e in zone più periferiche altre. 

O magari una strategia funziona meglio semplicemente perché è più nelle tue corde. Si adatta meglio alla tua personalità.

Vediamo qui 4 strategie che abbiamo visto funzionare molto bene in diversi studi.

La strategia dei contenuti di valore

Si tratta di posizionarsi sui social con costanza e dedizione, fornendo dei contenuti di valore per i tuoi pazienti.

Potresti farlo su Facebook, oppure su Linkedin o Youtube. Perchè no, anche su più social contemporaneamente.

Il contenuto può essere di tipo educativo. Può mirare ad evidenziare i punti di forza del tuo studio. Può raccontare dei tuoi investimenti in tecnologia e gli aggiornamenti clinici del tuo staff.

Sono tante le cose che si possono raccontare alla propria community.

Può portare a risultati veramente ottimi.

Soprattutto lega il tuo pubblico in maniera fortissima al tuo studio e alla tua persona, creando un tasso di fidelizzazione altissimo.

Richiede però una dedizione e disciplina che sinceramente abbiamo visto in pochi. Bisogna mantenere una rigorosa costanza nel pubblicare del contenuto di valore con puntualità.

Strategia del (re)branding

Anche questa è un’ottima strategia di web marketing che alcuni dentisti adottano, soprattutto quando si è disposti a slegare l’immagine dello studio da quella del dentista stesso.

Molto utile se si vuole rivendere lo studio ad un altro odontoiatra.

Con questa strategia si mira a creare un brand, ovvero un marchio che sia indipendente dalla figura del medico.  

Bisogna essere consapevoli che è necessario legare il brand ad un target specifico.

Magari ad un trattamento ben preciso. Magari ad un protocollo specifico. Oppure ad una categoria di pazienti rigorosamente delineata.

Potresti per esempio associare il tuo marchio alla chirurgia flapless.

Oppure potresti definire come target una tipologia di paziente, come per esempio i pazienti completamente edentuli. O magari pazienti pediatrici con una precisa problematica.

A tal proposito potrebbe tornarti utile qualche consiglio sui target per strategie di marketing digitale.

Devi fare una scelta netta di campo, cosa che spaventa molti dentisti.

La tipica obiezione che si riceve è: <<non voglio limitare la mia comunicazione e la mia offerta a specifici trattamenti o ad una tipologia specifica di pazienti. Sono un generalista>>

Un’obiezione legittima ma generata da un preconcetto spesso sbagliato.

Posizionarsi come generalista spesso non è un vantaggio dal punto di vista della comunicazione.

Se fatta bene, una strategia di (re)branding porterà molti più nuovi pazienti di quelli che “perdi” nel non comunicare a tutte le persone tutti i trattamenti che offri.

Tra l’altro non stai “perdendo” nessun paziente. Al massimo non ne guadagni di nuovi per tutte quelle patologie non in linea con la tua strategia di branding. Cosa che non ha alcuna rilevanza se, dall’altro lato, stai acquisendo molte più nuove visite in linea con il tuo target.

Quindi, con una strategia di branding (o re-branding) devi essere disposto a focalizzarti su un target ben definito.

Per dirla in parole povere…..non puoi pubblicizzare il tuo marchio contemporaneamente su pazienti pediatrici e pazienti anziani.

Se parli a tutti, non stai parlando a nessuno!

Strategia di coinvolgimento dei pazienti

Una strategia più particolare ma che può essere estremamente divertente da fare e che può portare a risultati fantastici è la strategia di coinvolgimento dei pazienti.

Questa strategia è per certi versi simile alla strategia dei contenuti di valore, ma non del tutto uguale.

Si cerca non tanto (o non solamente) di “istruirli”, piuttosto di fare campagne marketing e di vendita che coinvolgano il più possibile la tua community di pazienti.

Un esempio sono quelle campagne Facebook dove si chiede ai pazienti di commentare un post o di fare determinate azioni, in cambio di un premio.

Oppure quando si lanciano dei contest dove si richiede un certo coinvolgimento in cambio di alcuni vantaggi.

Un esempio potrebbe essere il mese della “rimozione dei denti del giudizio”, dove incentrate le campagne di web marketing targettizando gli indecisi che si dovrebbero levare i denti del giudizio.

Il segreto non sta semplicemente nel sottoporgli un vantaggio economico, ma appunto nel coinvolgerli. Puoi per esempio sottoporli ad un questionario per fargli capire quando è il momento giusto per rimuovere i denti del giudizio.

Anche questa è una strategia che incentiva un tasso di fidelizzazione molto alto.

Provare per credere!

Strategia SEO

Una strategia SEO mira a far apparire il tuo sito web nei primi posti delle ricerche Google.

Cosa vuol dire?

Quando ricerchi qualcosa nella barra di ricerca di Google digiti delle parole giusto? Queste parole sono delle “keywords”.

Ci saranno delle keywords molto frequenti e comuni, altre meno.

Ad esempio, la keyword “dentista milano” è così frequente che non serve nemmeno scriverla per intero che Google te la suggerisce automaticamente.

Utilizzando sempre la keyword “dentista milano” come esempio, una strategia SEO ha lo scopo di far apparire il tuo studio in testa quando qualcuno digita nella barra di Google proprio le parole “dentista milano”.

Facile a dirsi ma meno a farsi. La concorrenza è spietata. Tutti ambiscono ad apparire nelle prime posizioni di Google e più la “keywords” è comune e ricercata e più è difficile.

Se vuoi sperare di apparire nelle prime posizioni delle ricerche ti devi accontentare di “keywords” meno comuni e meno competitive.

Ciò non vuol dire che non possano essere efficaci.

Anzi. Una strategia SEO può essere utilizzata parallelamente ad una delle strategie precedentemente citate e aiutare a costruire una solida presenza online.

Mettere in piedi una buona strategia SEO non è affatto semplice. È un tema molto ampio e un blog intero dedicato a questo argomento non basterebbe.

Per concludere, se vuoi iniziare a fare del marketing ti consigliamo di:

  1. Adottare una strategia che ti piace e che ti diverte fare. Insomma, che sia in linea con il tuo carattere

2. Affidarti a qualcuno che conosca il web marketing per dentisti. Ti possiamo assicurare che gli strumenti messi a disposizione da Facebook, Google e le altre piattaforme sono sempre più complessi.

Se sei un dentista non avrai mai il tempo per imparare a gestire tutti gli aspetti necessari per creare una strategia efficace.

Non ci resta che augurarti un buon marketing!!

Chiudi il menu